Sblocca-cantieri, Cantone: "Con modifiche c'è il rischio di scelte arbitrarie e fatti corruttivi"

"Il decreto è stato fatto segno di numerose e sostanziali modifiche e ad oggi si fa fatica ad orientarsi fra gli emendamenti e i subemendamenti approvati e modificati e a individuare, quindi, un testo su cui potersi confrontare". Così il presidente dell'Anac Raffaele Cantone commenta il decreto sblocca-cantieri nel suo intervento in occasione della relazione annuale dell'Autorità Nazionale Anticorruzione alla Camera. "La previsione di una soglia abbastanza alta di 150 mila euro - continua Cantone - seppure opportunamente ridimensionata rispetto ai 200 mila euro del testo originario, aumenta certamente il rischio di scelte arbitrarie, se non di fatti corruttivi".

Video di Cristina Pantaleoni

Gli altri video di Politica