Parma, Pizzarotti in Consiglio dileggia il Pd: "Non ricordate più come si amministra"

Dalle potature al trasferimento della scuola Frank, lunedì in Consiglio comunale il sindaco Federico Pizzarotti ha gestito in prima persona alcuni temi di stretta attualità. E non sono mancate le tensioni, soprattutto con i consiglieri comunali del Pd. Il primo cittadino ha risposto piccato a Caterina Bonetti sulle potature ("Lei non è una botanica"), ha ricordato al Pd le numerose sconfitte elettorali locali, quindi ha rinfacciato al consigliere Sandro Campanini di parlare della scuola Albertelli-Newton per interessi personali. La risposta del capogruppo Lorenzo Lavagetto è stata tranciante: "Il sindaco predica bene e razzola male: pensi piuttosto al conflitto di interessi della assessora Seletti nella scuola Europea". E a proposito di istituti, nessuna retromarcia dell'Amministrazione sul trasferimento della Frank da via Pini a via Saffi; idem per il costro di trasporto che graverà anche sulle famiglie ("Sacrosanto che paghino anche loro", ha detto il primo cittadino). Infine l'ormai tradizionale palcoscenico personale di Marco Maria Freddi che ha nuovamente utilizzato l'aula per comunicazioni di politica nazionale. Il linguaggio scurrile usato dal radicale ha provocato la reazione del presidente Alessandro Tassi Carboni.

Gli altri video di Politica