Carnia, la cerva zoppa trova casa in paese

A Sigilletto, una frazione di Forni Avoltri (Udine) Chiara Grison e Giovanni Cantarutti hanno adottato una giovane cerva zoppa che si è spinta fino alla porta della loro abitazione. A causa della ferita - ormai cicatrizzata - l'animale non riuscirebbe a muoversi sul territorio interessato da abbondanti nevicate e a sopravvivere. Quindi nonostante zoologi e naturalisti si raccomandino di non nutrire gli animali selvatici e farli avvicinare all’uomo, la coppia e tutto il borgo di Sigilletto hanno deciso di aiutare la cerva. «Non è un delitto alimentare gli animali selvatici in annate particolarmente dure come questa. Basta farlo con criterio, senza avvicinarli e utilizzando alimenti che troverebbero comunque nel loro habitat» sostiene Giovanni Cantarutti. Lo zoologo Luca Lapini ricorda che esistono anche altre possibilità di salvare i selvatici feriti: «Sono in sintonia con la sensibilità di queste persone e con gli animalisti in generale. Tuttavia anche in questo caso la soluzione è un'altra. Esistono, a Cimolais e Forni di Sopra, centri di recupero faunistico dove hanno trovato ricovero molti cervi in difficoltà. Quello sarebbe il suo posto. Una femmina, anche ferita, potrebbe anche essere utile». Leggi l'articolo

Video a cura di Martina Tartaglino

Gli altri video di Cronaca locale