Luigi Busà, oro nel karate: "Ecco perché mi chiamano il gorilla di Avola"

Luigi Busà, oro nel karate kumite -75 kg alle Olimpiadi di Tokyo, spiega il suo soprannome: "Dopo una gara vinta ho esultato battendomi i pugni al petto. E così, visto che ho la pelle scura e la barba, mi hanno definito il gorilla d'Avola. Mi piace, perché il gorilla è un animale speciale". Poi, sulla medaglia a cinque cerchi: "Si è fatta tanto desiderare, se l'è tirata".

Gli altri video di Olimpiadi Tokyo 2020