L'area verde tutelata usata come discarica abusiva: la scoperta dei carabinieri nel Varesotto

Avevano chiuso la strada che portava alla discarica con un cancello e usavano quell’area immersa nel verde per scaricare rifiuti (per lo più provenienti da cantieri edili) a circa 100 metri dal fiume Tresa. Una discarica abusiva di circa tre ettari nascosta tra i boschi al confine con la Svizzera, in una zona tutelata perché riconosciuta di interesse naturalistico e paesaggistico, è stata individuata a Cadegliano Viconago (nel Varesotto) dal Nucleo investigativo ambientale dei carabinieri di Varese e delle stazioni della zona, in collaborazione con i carabinieri di Luino e con il nucleo cinofilo di Casatenovo. Le indagini, coordinate dalla procura di Varese e durate nove mesi, hanno portato al sequestro dell’area e alla denuncia di otto persone (sei italiani, un turco e un albanese), che effettuavano attività di raccolta, trasporto e smaltimento illecito di rifiuti di vario tipo, anche pericolosi (lamiere in eternit, veicoli fuori uso, gomme di autoveicoli). Sono stati sequestrati i cinque veicoli utilizzati per il trasporto dei rifiuti e anche alcuni animali trovati sul posto (cani, cavalli e maiali). Le indagini proseguono per appurare eventuali danni a suolo e sottosuolo, dato che periodicamente il terreno veniva spianato con le ruspe per fare posto ad altri rifiuti.
 
testo di Lucia Landoni

Gli altri video di Cronaca