Coronavirus, da Kobane all'Australia: la solidarietà curda all'Italia sulle note di 'Bella Ciao'

Sono centinaia i messaggi sui social inviati dai curdi di tutto il mondo per sostenere il nostro paese nella crisi legata al coronavirus. Video e fotografie, dal Rojava fino a tanti paesi europei, che ritraggono curdi con cartelli e bandiere italiane intenti a cantare Bella Ciao o semplicemente a dimostrare la loro solidarietà. Particolarmente significativi gli scatti dei bambini pubblicati sulla pagina Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia Onlus dal campo profughi di Shehba, in Siria.

Gli altri video di Cronaca