Camera ardente Borrelli, Spataro: "Non amava farsi chiamare procuratore capo, per lui la procura era una squadra”

"Ha scritto pezzi di storia di questo Paese, lo ricordo per tratti umani incredibili, non amava farsi chiamare procuratore capo perché la procura era una squadra”. Così l’ex procuratore di Torino Armando Spataro, ha ricordato l’ex procuratore capo Francesco Saverio Borrelli durante la camera ardente allestita all’interno del tribunale di Milano. “Borrelli è stato un’icona ed io mi sono ispirato al suo modello, ma la magistratura non ha bisogno di icone, deve ispirare il suo agire alla legge e ai codici” ha concluso Spataro.
 
Di Edoardo Bianchi e Antonio Nasso

Gli altri video di Cronaca